LogoGrafica Header

Ricerca e sviluppo

Il Negli ultimi anni il Comitato si è fatto promotore di studi e ricerche atti al miglioramento delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro ed ha partecipato a diverse iniziative, volte allo stesso fine, in collaborazione con enti come l’Università di Bologna, la USL 12, la Croce Verde, il 118. Fra queste ne annoveriamo alcune per la loro rilevanza.

Primo, in ordine cronologico, il programma portato avanti con la Croce Verde, finalizzato a dotare le cave di centraline di tele-allarme, che consentano l’invio tempestivo di S.O.S. in caso di incidente. Fino ad ora l’area coperta da questo servizio è limitata ai siti del bacino versiliese, si prevede per il prossimo anno di estenderla a tutte le cave della Provincia di Lucca.

Nel 1998 il CPM ha collaborato con la USL 12 Versilia per la realizzazione di un progetto Ispesl per la definizione dei profili di rischio nei comparti produttivi del settore lapideo. Allo scopo ha attivato anche incontri con i responsabili di varie aziende del comparto individuate come campione, che hanno accettato di partecipare all’iniziativa.

Sono ad oggi in via di conclusione sia la fase di studio preliminare che le prove tecniche effettuate sui fili e sulle macchine operatrici per la lavorazione dei lapidei. Il fine ultimo è quello di ottenere un miglioramento dei parametri di sicurezza per i lavoratori, ma anche un’ottimizzazione nell’uso dei macchinari e degli utensili, anche sotto il profilo delle rese e dei costi.

Per gli studi e la redazione delle relazioni tecniche il CPM si è avvalso della collaborazione di professionisti specializzati nel settore; le prove sono state eseguite presso i laboratori del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Mineraria e delle Tecnologie Ambientali dell’Università di Bologna.

Il Comitato si è anche impegnato nel coordinamento degli interventi da effettuare sulle cave, per facilitare l’atterraggio dell’elicottero messo a disposizione dalla Regione per le operazioni di soccorso.

Dal 2004, l’Ing.Vito Tafaro, su incarico di CPM e CoPAM, ha collaborato con gli operatori  dell’ Az.USL12 Versilia nell’organizzazione e supervisione della sperimentazione sul campo delle funi a cavo protetto e del gancio a rotazione comandata.

I risultati dello studio, illustrati dall’Ing.Tafaro in un incontro tenuto presso la nostra sede il 4 febbraio ’04, sono stati presentati il 27 maggio 2004 nell’ambito della fiera Marmo Macchine a Carrara, in occasione dei seminari che la IMM dedica alla ricerca ed innovazione tecnologica.

Nel corso del seminario, i Tecnici della AUSL12 hanno illustrato ad Aziende, RSPP, RLS e Tecnici consulenti invitati tutta l’iniziativa, le modalità operative, le osservazioni degli operatori addetti all’uso delle attrezzature in esame, le conclusioni e le possibili ulteriori prove ritenute opportune per avere la conferma di alcuni aspetti sulla sicurezza degli accessori di sollevamento, emersi nel corso dello studio. Nel corso del 2006 è prevista la conclusione dello studio, che verrà reso pubblico con un seminario in programmazione.

I risultati finali di tutta l’iniziativa sono stati esposti a Pietrasanta, Chiostro di S.Agostino, il 16 giugno 2006, nel corso del convegno  “La sicurezza della movimentazione dei materiali nel comparto della lavorazione delle pietre ornamentali”. Gli atti sono consultabili sul sito dell’Az.USL 12 Versilia.

in evidenza

La copertura assicurativa per gli infortuni professionali ed extraprofessionali. >>

Come affrontare nel modo giusto i rischi connessi alla movimentazione dei materiali? Ecco le "linee guida". >>